STRUMENTI NAZIONALI

CREAZIONE DI STRUTTURE PRODUTTIVE 

Paesi extra UE 


 L'intervento di questo strumento finanziario può essere richiesto in relazione al progetto di costituzione, aumento di capitale sociale od acquisizione di società operative in Paesi al di fuori dell’Unione Europea. 

Lo schema dello strumento prevede un duplice intervento finanziario attuato dalla finanziaria di sviluppo SIMEST SPA composto da: 

 - un conferimento di capitale sociale, con modalità di socio pubblico dormiente nella società estera sostituendosi all’azienda italiana solo nella copertura del fabbisogno finanziario generato dall’investimento. 

L’intervento partecipativo SIMEST nel capitale della società estera può avere una durata compresa tra i 4 e gli 8 anni, al termine dei quali rivende la propria quota all’azienda italiana. 

La quota SIMEST può arrivare, per i progetti relativi alla Cina, fino al 49% del capitale della società estera e non può comunque superare la quota di capitale detenuta dall’azienda italiana. 

La partecipazione SIMEST nel capitale della società estera è regolata da alcune clausole contrattuali. 

Tra queste si evidenziano il rendimento garantito a SIMEST sul costo storico della partecipazione di capitale sociale sottoscritta da quest’ultima, pari attualmente a circa il 7% annuo e la necessità, da parte dell’impresa italiana, di garantire con fideiussione il riacquisto della suddetta partecipazione alla scadenza convenuta con un valore non inferiore a quello in fase di sottoscrizione. 

 - un contributo in conto interessi. 

Sono agevolabili, attraverso il suddetto contributo, i conferimenti di capitale sociale che verranno deliberati ed effettuati dall’ azienda italiana dopo la delibera di partecipazione di SIMEST nel capitale della società estera. 

La percentuale del contributo viene determinato nella misura del 50% del tasso di riferimento previsto dal DPR 902/76 vigente nel mese in cui avviene il contratto di finanziamento tra l azienda e la banca, e si applica sul 90% del conferimento di capitale effettuato dall’impresa italiana (attualmente intorno al 2,35%).